GESTIONE DEL MAGAZZINO IN 4… E QUATTROTTO!

Gestire un magazzino per un’azienda che non lo ha mai fatto, può essere un’impresa difficile.

Ci siamo imbattuti davanti alle obiezioni più strampalate, ma anche obiezioni comuni, magari anche a voi che state leggendo… ne cito alcune:

  • “Abbiamo tanti di quegli articoli che se li numeriamo tutti finiamo tra quattro anni!”
  • “Qui fuori è un cataclisma, gli uomini prendono e quando la scatola finisce facciamo gli ordini, ma gestire tutto è impensabile per il nostro modo di lavorare”
  • “Le aziende come la nostra hanno una movimentazione tale che non è possibile gestire informaticamente il magazzino”

Beh, se anche voi la pensate così, o avete sbagliato posto dove leggere, oppure sotto sotto pensate che una soluzione possa esserci!

La nostra risposta è che la soluzione c’è, ed è concentrata in sole 4 azioni!

Prima di svelarvi la soluzione, prima che voi pensiate che queste 4 azioni o sono magia o la cosa non funzionerà mai per voi, introduciamo la nostra aziende tipo che si chiamerà ACME SPA! (per chi non lo sapesse ACME è un nome immaginario di una azienda presente in molti fumetti degli anni ’80 – ricordate Willy il coyote?! L’acronimo significa Another Company Making Everything!).

La nostra azienda nasce da una iniziativa di costruire TUTTO, in un piccolo capannone, con 4 operai. Gli operai sono bravissimi, vivono felici e sereni all’interno della loro azienda e sanno costruire proprio TUTTO!

Gestiscono moltissimi articoli e materie prime, tutto un po’ disordinato, ma la produzione è così veloce, gli ordini così urgenti che non hanno mai molto tempo di mettere in ordine.

Si accorgono presto che gli acquisti di materie e componenti per creare TUTTO, sono spesso disordinati e non efficienti. Se non viene trovata una scatola di viti, si suppone sia finita e si corre in negozio ad acquistarne altre.

Continuando così, l’azienda prospera e aumentano gli operatori che da 4 diventano 8! Quattro e quattrotto!

Ad un certo punto ci si rende conto che è il caos. Nessuno butta via niente e tutti tentano di organizzare un piccolo angolo, ma il business crescente fa sempre più caos.

Poi…

I quattro soci iniziali capiscono che è ora di sistemare la situazione. Decidono di mettere ordine e controllare tutto.

Come fanno?

La prima cosa che si fa è utilizzare un weekend, magari vicino alle ferie festive, si butta fuori tutto dal magazzino e si riporta tutto dentro, ma in modo ordinato.

Ora serve un modo per organizzarsi e non ricreare il caos. Ecco che viene chiamato un consulente che fa adottare un metodo kanban per il ripristino delle scorte. Ma ai quattro soci non basta e decidono di selezionare un software che il aiuti nel conteggio e nel controllo.

Qui la difficoltà più grande: trovare il partner che ci aiuti. Dopo diversi colloqui, arriva un consulente che suggerisce loro di adottare le 4 azioni base, banali, semplici ma efficaci!

 

Eccoci a noi, la soluzione dell’inghippo, le 4 azioni che sistemano il magazzino.

Scusate, un po’ di suspense con un po’ di puntini …

Dunque, le 4 procedure per sistemare il magazzino sono:

 

  1. Ricevere la merce ed annotare contenuto e quantità
  2. Depositare la merce in uno spazio dedicato al tipo di materiale, identificabile in modo univoco
  3. Pianificare con ordine le spedizioni, posizionando la merce in uscita ben raccolta in postazioni specifiche
  4. Annotare la merce spedita una volta consegnata al vettore o caricata nei mezzi

 

Certo, sono quattro azioni banali.

Ma voi le fate?

Se siete qui penso di no, o almeno non le state facendo in modo così ligio da poter verificare tutto.

Se ad ogni azione abbinate una procedura (informatica o meno) che tutti gli operatori devono seguire, queste sole 4 attività vi faranno avere un controllo del magazzino preciso.

Le aziende che si sono dotate di un WMS (Warehouse Management System), hanno applicato informaticamente tali procedure. Non ci credete? Bene, questa è una sfida!

Ora che vi è stata fornita un soluzione, potrete edere i singoli punti al dettaglio cliccando su questo link o su quello che troverai più in alto 🙂

Buona lettura a voi avventurieri!

Pin It on Pinterest

Share This